Seleziona una pagina

19- Amica mia non dirmi che ti arrendi

Sono trent’anni che non sei venuta più a villeggiare

E’ stato dalla morte di tuo fratello che ti adorava

Un tuffo al cuore avere appreso che sei malata grave

Ricordo quando s’andava lungo il viale finchè sul ponte

c’incantava il Circeo col lago a far da specchio

Chi ci crederà che la frequentazione non andava oltre

la passeggiata al mare ma sempre in comitiva

Amavamo la poesia e lo scambio dei libri amati

era l’unico modo per far passare un anno

Incredibile ma vero non osammo neppure un bacio

eri già fidanzata e prossima a sposarti

Il tempo insieme si racchiudeva solo in un abbraccio

all’arrivo e in partenza.. l’arrivederci in sogno